I trasporti pubblici al centro del progetto di urbanizzazione della metropoli lionese

Inaugurata il 2 maggio 1978, dal presidente dell’epoca Valéry Giscard d’Estaing, la metropolitana lionese ha festeggiato quest’anno il suo quarantesimo anniversario. Dalla sua creazione, ha continuato ad espandersi per rispondere alle sfide della mobilità di domani nel cuore della metropoli. Qual è il suo futuro?

Riportiamo innanzitutto questo progetto nel suo contesto: il SYTRAL che gestisce la rete TCL(1) rileva un aumento della frequentazione della sua rete dal 2010. L’aumento è del 27% sull’insieme della rete, di cui il 20% sull’unica rete metropolitana. Questo aumento di frequentazione non è senza dubbio legato allo sviluppo economico della metropoli lionese e principalmente allo sviluppo del quartiere d’affari della Part-Dieu, e dello sviluppo del settore «Confluence» (chiamato così perché si trovava alla confluenza del Rodano e della Saona). Ciò porta al prolungamento della biancheria B della metropolitana verso Saint Denis-Laval Hôpitaux Sud nel 2023.

Quali sono le previsioni del SYTRAL nelle ore di punta per le linee A, B e D della metropolitana?

Nel 2023

  • sulla linea B: +40%
  • sulla linea D: +15%
  • sulla linea A: +2%

Nel 2030

  • sulla linea B: +60%
  • sulla linea D: +25%
  • linea A: +4%
  • I treni Led delle linee A,B e D sono stati rinnovati per prolungare la loro durata di vita tra il 1990 e quest’anno secondo le linee.

1. Trasporti pubblici Lyonnais (TCL)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*